Storicamente. Laboratorio di storia
Immigrati in Lorena per nazionalità e condizione lavorativa (1939)
Casella di testo: Francesi Italiani Polacchi Altri Totale Miniera: operai 40 113 33 23 209 Miniera: impiegati 12 0 0 1 13 Fabbrica: operai 745 833 213 166 1957 Fabbrica:
  impiegati 189 9 0 23 221 Totale 986 955 246 213
Casella di testo: Francesi Italiani Polacchi Altri Totale Miniera: operai 40 113 33 23 209 Miniera: impiegati 12 0 0 1 13 Fabbrica: operai 745 833 213 166 1957 Fabbrica: impiegati 189 9 0 23 221 Totale 986 955 246 213

Fonte: Rapport du Sous-Préfet de Briey au Préfet de Nancy du 19 septembre 1936, ADMM, 1 Z 83.

Secondo Noiriel alle Aciéries di Micheville francesi, italiani e polacchi rappresentavano, nel 1930, l’87% della manodopera totale e cinque anni dopo il 91%. Ciò significava che le nazionalità con minor numero di presenze avevano subito maggiormente la crisi. Inoltre se francesi e italiani erano progrediti nel periodo, rispettivamente dal 21,2% al 37,7% e dal 38,6% al 41,3%, il numero di polacchi era passato dal 27,2% al 12,1%. (G. Noiriel, Longwy. Immigrés et prolétaires 1880-1980, Paris, Presses Universitaires de France, 1984, 270).