Storicamente. Laboratorio di storia

Biblioteca

Maria Luisa Cicalese, Aurelio Musi (eds.), L’Italia delle cento città. Dalla dominazione spagnola all’unità nazionale

Il volume L’Italia delle cento città. Dalla dominazione spagnola all’unità nazionale raccoglie i contributi di due iniziative seminariali organizzate congiuntamente dai dottorati di Milano (“Società europea e vita internazionale nell’età moderna e contemporanea”) e di Potenza (“Storia dell’Europa mediterranea dall’antichità all’età contemporanea”). Da qui derivano i due periodi cronologici distinti attorno ai quali si raggruppano i venti saggi: il momento del conseguimento dell’Unità nazionale fra Otto e Novecento, ed il periodo della dominazione spagnola in Lombardia e nel Regno di Napoli.

I contributi di argomento otto e novecentesco, che precedono nel volume quelli sulla dominazione spagnola, appaiono accomunati dal tentativo di investigare il periodo sotto il profilo della storiografia politica. Problemi chiave quali il dualismo tra città e compagne e soprattutto l’emergere della «questione meridionale» sono rivisitati esaminando il dibattito sulle riviste del tempo. Il Meridione e le problematiche del neonato Regno sono presentati attraverso lo sguardo di uomini del Nord e nella riflessione di esponenti di rilievo del periodo quali Pasquale Villari, Pasquale Turiello, Ruggiero Bonghi. Il dipanarsi del dibattito è seguito entro un arco cronologico che va dalla rivoluzione partenopea del 1799 e dalla sua controversa interpretazione, fino ai nostri giorni, con interessanti comparazioni di dati fra l’oggi e il secolo XIX (Roberto Romano, L'emergere di un’economia dualistica).

Nella seconda parte del volume troviamo un Nord (Ducato di Milano) e un Sud (Regno di Napoli, e Benevento) colti stavolta nelle loro interrelazioni con la Spagna, dunque nel quadro del sistema imperiale spagnolo, che trova specifiche e differenziate modalità di attuazione nel sottosistema Italia. Queste categorie storiografiche sono sottoposte a verifiche critiche nel concreto delle singole indagini. La nomina dei capi militari della Lombardia da parte del sovrano spagnolo (Claudio Donati, Ordinamenti militari e guerre nella Lombardia spagnola tra metà Cinquecento e fine Seicento), le peculiarità della “via lombarda” all’Inquisizione (Susanna Peyronel Rambaldi, Inquisizione, controllo delle coscienze e società nella Lombardia spagnola), figure centrali quali Carlo Borromeo (Claudia Di Filippo Bareggi, Carlo Borromeo: modello ideale o uomo di governo?), emergono come linee guida per la ricostruzione sotto varie angolature prospettiche del rapporto tra la Lombardia e la Spagna. Altri contributi individuano analogie tra Milano e la realtà del Regno di Napoli, a proposito ad esempio del persistente ruolo dei corpi politici locali rispetto agli Inquisitori inviati da Roma. Altrove l’approccio comparativo porta a rilevare la diversità del contesto strutturale ecclesiastico meridionale e settentrionale.

Il difficile rapporto Nord-Sud, problematica centrale ed irrisolta del momento dell’unificazione, trascinatasi fino ai nostri giorni, viene qui affrontato dapprima nel momento del suo emergere come categoria analitica, quindi è riproposto per l’età moderna attraverso la comparazione dei diversi percorsi (politico-istituzionale, economico-sociale) che caratterizzarono Ducato di Milano e Regno di Napoli, pur all’interno di una certa unitarietà data dal loro collocarsi entro un medesimo sistema, quello imperiale spagnolo. I contributi si propongono anche come utili rassegne dei più recenti studi, talvolta ancora in corso di elaborazione.